La National Hockey League o NHL è un'organizzazione professionistica composta da 32 squadre di hockey su ghiaccio provenienti da Stati Uniti e Canada, dove è anche nota, soprattutto in Québec con il nome francese di Ligue nationale de hockey (LNH). È la principale lega di hockey su ghiaccio del mondo e una delle maggiori leghe sportive professionistiche nordamericane. La Stanley Cup, il più vecchio trofeo per sport professionistici del Nord America, viene assegnata annualmente al campione di lega alla fine di ogni stagione, dopo i playoff.

La NHL ospita molti giocatori provenienti da diverse parti del mondo, e attualmente la lega ha giocatori di circa 20 paesi diversi. I canadesi hanno storicamente costituito la maggioranza dei giocatori della NHL, dato che sia lo sport che la lega hanno avuto origine in Canada. Dagli anni '80 la percentuale di giocatori statunitensi ed europei è aumentata a causa della continua espansione della NHL negli Stati Uniti, per gli elevati livelli di gioco paragonati ad altre leghe, e per la disponibilità di molti giocatori europei di buon livello.

History

Nel 1917, in seguito ai conflitti sorti all'interno della National Hockey Association (NHA) tra Eddie Livingstone, proprietario dei Toronto Blueshirts, ed altri proprietari, i dirigenti di quattro squadre (Canadiens de Montréal, Montreal Wanderers, Ottawa Senators e Quebec Bulldogs) si incontrano all'Hotel Windsor di Montréal per discutere del futuro della NHA. L'incontro portò alla fondazione il 26 novembre 1917 della National Hockey League, con sede a Montreal, Canada. Le squadre fondatrici furono i Canadiens, i Wanderers ed i Senators e il primo presidente della lega fu Frank Calder. Una franchigia di Toronto venne data temporaneamente ai Toronto Arena Corp, spesso indicati come Toronto Arenas, benché giocassero senza un nickname.

Nonostante le difficoltà del primo decennio, le squadre della NHL erano già allora estremamente competitive: nei primi nove anni di vita della lega conquistarono per sette volte la Stanley Cup. Dal 1926 in poi la coppa divenne un trofeo esclusivo della NHL. A quel punto la lega cominciò ad ampliarsi: prima con l'ingresso degli Hamilton Tigers (nel 1920–21), e poi di Boston Bruins (nel 1924, i Bruins furono la prima squadra americana della lega), Montreal Maroons (nel 1924-25), New York Americans (nel 1925, dopo aver acquistato gli asset degli Hamilton Tigers), Pittsburgh Pirates (nel 1925-26), New York Rangers (nel 1926), Chicago Blackhawks e Detroit Cougars (1926–27, successivamente chiamati Red Wings). Nella stagione 1930-31 la lega era composta da 10 team. Negli anni seguenti, tra la grande depressione e la seconda guerra mondiale, precisamente dal 1942, rimasero solo 6 squadre, oggi conosciute come Original Six: Montreal Canadiens, Toronto Maple Leafs, Detroit Red Wings, Chicago Blackhawks, Boston Bruins e New York Rangers, che per i seguenti 25 anni saranno gli unici team a far parte della NHL. In questo periodo la famiglia Norris aveva influenza su 4 delle 6 squadre della lega, dato che Detroit e Chicago erano dirette da membri della famiglia, e Boston e New York avevano contratto mutui con essi. I media di allora rinominarono la lega "the Norris House League".

La concorrenza della Western Hockey League e la ricerca di una maggiore appetibilità televisiva portò ad una nuova espansione: nel 1967 il numero di squadre raddoppiò passando da 6 a 12, con l'ingresso nella lega di Philadelphia Flyers, St. Louis Blues, Minnesota North Stars, Los Angeles Kings, Oakland Seals e Pittsburgh Penguins. Le squadre furono suddivise in due gruppi: le Original Six vennero messe nella East Division, mentre le sei squadre nuove formarono la West Division. I playoff furono allargati di conseguenza, passando da quattro a otto squadre (4 per division); i primi due turni venivano giocati all'interno della propria division (primo turno con accoppiamenti 1-4 e 2-3, quindi la finale divisionale), garantendo quindi lo scontro per la Stanley Cup tra una Original Six e una squadra di espansione.
La lega si allargò nuovamente nel 1970 quando entrarono a farne parte i Canucks a Vancouver (città a cui era stata negata una franchigia alla precedente espansione) e i Sabres a Buffalo.

Nel 1972 venne fondata la World Hockey Association e, nonostante non concorresse per la Stanley Cup (assegnava un proprio trofeo chiamato AVCO World Trophy), le sue potenzialità come rivale erano chiare a tutti. La NHL decise quindi di procedere con un'ulteriore espansione aggiungendo al campionato New York Islanders e Atlanta Flames, e, nel 1974, Kansas City Scouts e Washington Capitals. Le due leghe si contesero giocatori e fans fino al 1979, anno dello scioglimento della WHA. A quel punto quattro dei rimanenti sei team della WHA (New England Whalers, Québec Nordiques, Edmonton Oilers e Winnipeg Jets) si unirono alla NHL, mentre i rimanenti due (Birmingham Bulls e Cincinnati Stingers) si sciolsero. I Whalers furono costretti, dietro richiesta dei Boston Bruins, a cambiare nome in Hartford Whalers.

Con l'espansione del 1974, le allora 18 squadre NHL vennero suddivise in 2 conference, denominate Campbell e Wales, ciascuna comprendente due division. Dal momento che né le conference né le division riflettevano alcun criterio geografico, vennero scelte denominazioni legate a personaggi storici dell'hockey nordamericano. Le division della Wales Conference si chiamavano Adams e Norris, mentre quelle della Campbell Conference si chiamavano Patrick e Smythe. Dalla stagione 1981-82, per diminuire i costi degli spostamenti, furono apportati opportuni aggiustamenti alla suddivisione delle squadre nelle varie division (incluso uno scambio di conference tra la Patrick e la Norris Division) in modo da ottenere una suddivisione maggiormente geografica: la Wales Conference rappresentava quindi l'Est (in particolare, la Adams Division copriva il nord-est, la Patrick Division copriva la costa atlantica), mentre la Campbell Conference rappresentava l'Ovest (in particolare, la Norris Division copriva la fascia centrale, mentre la Smythe Division copriva la zona più occidentale). Per lo stesso motivo il calendario fu modificato, nella sua composizione, alzando il numero di scontri tra le squadre più prossime tra loro e diminuendo quello tra le squadre più lontane tra loro (nella stagione precedente ciascuna squadra giocava lo stesso numero di partite contro tutte le altre).
Questa suddivisione cambiò nel 1993, quando la NHL si riorganizzò in conference "geografiche" (Eastern e Western), a loro volta suddivise dapprima in due division (Northeast e Atlantic; Central e Pacific) e quindi, dalla stagione 1998-99, in tre (Atlantic, Southeast e Northeast; Central, Northwest e Pacific). Le ragioni della riorganizzazione sono da imputare alla rapida espansione verso gli Stati Uniti ed allo sforzo di espandere il bacino di utenza della lega.

Dagli anni novanta ad oggi si sono aggiunte 10 nuove franchigie: San Jose Sharks nel 1991, Ottawa Senators e Tampa Bay Lightning nel 1992, Mighty Ducks of Anaheim e Florida Panthers nel 1993, Nashville Predators nel 1998, Atlanta Thrashers nel 1999 (divenuti Winnipeg Jets nel 2011), Minnesota Wild e Columbus Blue Jackets nel 2000, i Vegas Golden Knights nel 2017 e i Seattle Kraken nel 2021, portando così il totale alle 32 squadre attuali.

Dalla stagione 2013-14 il numero di division si è ridotto da sei a quattro (Atlantic e Metropolitan all'Est, Central e Pacific all'Ovest), con conseguente ridistribuzione delle squadre.